CBD e Cannabis Legale: usi, vantaggi ed effetti

Il Cannabidiolo (CBD) è uno degli oltre cento cannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis. Questo metabolita risulta non essere psicoattivo, a differenza della molecola più famosa e discussa, il Tetraidrocannabinolo (THC).

Uno degli aspetti più interessanti del CBD è il suo effetto generalmente rilassante, senza gli “effetti collaterali” tipici del THC, come la fame chimica o la perdita di memoria.

Il CBD, inoltre, trova importanti applicazioni nel campo terapeutico e, grazie alle sperimentazioni precliniche degli ultimi quarant’anni, si è dimostrato molto utile nel trattamento di alcune patologie per le sue proprietà analgesiche, antiossidanti, ansiolitiche, antidepressive, anticonvulsivanti e così via.

olio al cbd estratto cannabis puntog
Oli dorati al CBD (estratto di Cannabis) con concentrazioni dal 5% al 30%

Esulando da queste gravi problematiche, questo cannabinoide trova applicazione anche nella vita di tutti i giorni per attenuare la stanchezza, lo stress e l’insonnia. Si assume generalmente come integratore alimentare sotto forma di olio e può essere somministrato in due modi: tramite assunzione topica (con gel, creme, pomate) oppure tramite applicazione perlinguale (con l’ olio). Un’ampia selezione di oli al CBD (sia neri che dorati) si può trovare su Punto G uno shop online tutto italiano con consegne rapide ed in pacco anonimo su tutto il territorio nazionale.

Benefici per la salute della somministrazione del CBD

Negli ultimi anni la comunità scientifica internazionale si è focalizzata sempre più sul Cannabidiolo, spostando anche una parte dell’attenzione che si era riservata al THC per i suoi effetti nella cura contro il cancro, rivelando promettenti applicazioni nel trattamento di alcune patologie, alcune di queste le elenchiamo di seguito.

Proprietà anti-infiammatorie del CBD

Molte persone ricorrono spesso a farmaci da banco per contrastare il dolore, sia esso cronico oppure solo un semplice indolenzimento.

Uno studio del 2012 pubblicato sul Journal of Experimental Medicine ha rivelato che il CBD riduce significativamente l’infiammazione cronica ed il dolore nelle cavie e nei ratti. I ricercatori suggeriscono che la presenza di composti non psicoattivi presenti naturalmente nella pianta di Cannabis, tra cui il Cannabidiolo (CBD), potrebbero diventare un ottimo alleato nel trattamento di questi dolori.

In ambito clinico questo cannabinoide ha già trovato applicazione nel trattamento sperimentale di alcune patologie, tra cui la sclerosi multipla e la fibromialgia.

Trattamento della tossicodipendenza e tabagismo con il CBD

Il CBD potrebbe aiutare i tabagisti a smettere di fumare. Lo afferma uno studio pubblicato su Addictive Behaviors. Utilizzando un inalatore contenente un composto a base di olio al CBD, la ricerca ha evidenziato come il numero di sigarette fumate dai soggetti fosse diminuito così come anche il desiderio di nicotina.

Un altro studio simile pubblicato sul giornale Neurotherapeutics ha rivelato un interessante utilizzo anche nel trattamento per le persone che abusano di oppiacei. Alcuni sintomi, tra cui ansia, dolore, insonnia e modifiche repentine dell’umore, venivano contrastati grazie a questo efficace principio attivo.

Epilessia e patologie mentali e CBD

I possibili campi di applicazione di questo metabolita si estendono anche nel trattamento dell’epilessia e di alcuni disturbi neuropsichiatrici. Secondo uno studio pubblicato nel 2014 sul giornale Epilepsia, tra i cui autori figura anche la neuropediatra italiana Maria Roberta Cilio, il CBD avrebbe proprietà anticonvulsivanti ed neuroprotettive. Preverrebbe così anche la degenerazione neuronale ed alcune conseguenti disturbi psichici, tra cui anche la schizofrenia (Current Pharmaceutical Design).

Morbo di Alzheimer e CBD

Una promettente ricerca pubblicata sul Journal of Alzheimer’s Disease, ha scoperto come il Cannabidiolo possa essere efficace nel trattare il deficit di cognizione sociale nei pazienti presi in esame.

Questo significa che questo metabolita potrebbe prevenire le prime fasi dell’Alzheimer per le persone che non riescono, ad esempio, a riconoscere i volti delle persone che conoscono.

Acne: il CBD sulla pelle

Anche l’acne è uno dei numerosi disturbi che il CBD potrebbe trattare, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca del 2014 pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, il CBD aiuterebbe a diminuire la produzione di sebo che porta ad infiammazioni cutanee e quindi all’acne.

Quale Cannabis Light conviene acquistare?

Recentemente in molte Paesi del mondo la discussione sulla Cannabis ha fatto grandi passi avanti grazie anche al crescente interesse per questo cannabinoide che può arrivare al mercato con genetiche ottenute in laboratorio e non psicoattive. Anche in Italia, piano piano e in modo particolare, si è assistito ad una vera e propria corsa alle varietà di Canapa con alto contenuto di questo principio attivo, chiamata Cannabis Light o Erba Legale.

WestVirginia, GoaShanti e DamIce: tre Cannabis Legal ricche di CBD in libera vendita in Italia (THC < 0.60)

Grazie alla nuova legge sulla Canapa industriale, in vigore dal gennaio 2017, si è venuto a creare un vero e proprio spazio legislativo: la canapa industriale, purché con un limitato contenuto di THC (inferiore allo 0,6%) ma, senza limiti sul CBD, può essere venduta liberamente. Ciò ha immediatamente creato un mercato di Erbe ad elevato CBD che non danno alcun effetto psicotropo ma fanno da vettore a tutti gli effetti benefici del Cannabidiolo.

Purtroppo, però, alcune aziende produttrici, non allegano le analisi in laboratorio che attestano l’effettiva presenza del principio attivo, portando perciò a non avere effettivamente certezze sull’effettiva percentuale di Cannabidiolo. Per questo è consigliabile rivolgersi a rivenditori affidabili che siano in grado di produrre la documentazione necessaria.

Oli al CBD scuri, con concentrazione dal 3% al 15%

Al di là delle polemiche sulla natura di questa vera e propria corsa all’oro verde c’è da dire che forse qualcosa lentamente si sta smuovendo, ridimensionando i tabù culturale dello status di ‘droga’ di una pianta che diventa sempre più interessante nel mondo medicale man mano che gli studi e le ricerche proseguono.

Se sei interessato alla Cannabis Light coltivata biologicamente e con concentrazioni CBD elevate e certificate, erbe ricche di terpeni e di altri fitocannabinoidi, ti invitiamo a visitare il catalogo di Cannabis Legale di PuntoG, shop online tutto italiano con consegne rapidissime su tutto il territorio nazionale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa chiesa che regala marijuana ai suoi fedeli
Il Ganjanauta è l'osservatorio italiano online sulla cannabis. Crediamo in un modo di fare informazione corretto e genuino. Seguici per rimanere aggiornato su approfondimenti, studi ed ultime notizie riguardanti il mondo della canapa e non solo.