Questo articolo vuole proporre un confronto tra i due vaporizzatori top di gamma attualmente presenti sul mercato, per quanto riguarda la categoria vaporizzatori portatili a conduzione: Pax 3 e DaVinci IQ.

Design

I due vaporizzatori differiscono leggermente per peso e dimensioni. Il Pax 3 è leggermente più slanciato e stretto, con i suoi 90 grammi passa quasi inosservato e non dispiace, soprattutto quando lo si utilizza in spazi pubblici.

Il DaVinci IQ invece è più corto ma più pesante, 145 grammi, ma la qualità costruttiva è ottima garantendo una buona portabilità e robustezza.

Batteria e durata

Entrambi i vaporizzatori sono dotati di una batteria di 3500mAh ma ci sono delle piccole differenze da prendere in considerazione. Il tempo di riscaldamento del pax 3 è molto breve, solo 15 secondi contro i 45 del DaVinci. Mediamente la durata della batteria di quest’ultimo è di 60 minuti con un tempo di ricarica che può arrivare anche a 4 ore, mentre per il pax 3 la durata varia tra i 90 e i 100 minuti, a seconda della temperatura impostata, e la ricarica completa della batteria avviene in un’ora e mezza circa.

Tra i vantaggi del DaVinci rientrano la possibilità di sostituire la batteria, rendendolo potenzialmente molto più durevole del pax 3, e che la ricarica avviene semplicemente con un cavo USB da smartphone, a differenza del pax 3 che necessita della sua basetta specifica.

Qualità del vapore

Premettendo che la qualità del vapore sia ad un livello simile in entrambi i casi, il vapore del DaVinci risulta leggermente più denso e fresco a parità di temperatura. Ciò significa che il pax3 tende a surriscaldarsi specialmente nell’utilizzo prolungato. Questo è dovuto soprattutto alla buona qualità costruttiva del davinci e al rivoluzionario utilizzo di componenti in Zirconio. Come già accennato prima, i tempi di riscaldamento sono nettamente a favore del pax 3 con il quale si possono vaporizzare anche concentrati.

Applicazioni per smartphone

Ad ogni vaporizzatore la casa produttrice ha associato delle app per smartphone che permettono di creare profili personalizzati con set di temperature diverse per adattarsi meglio ai gusti del consumatore. Tuttavia, mentre il Davinci si può utilizzare in tutte le sue funzioni e modalità di temperatura senza l’uso dell’app, il pax 3 necessita esclusivamente dell’app per cambiare i profili di temperatura preimpostati.

Vaporizzatore DaVinci IQ

Confronto prezzi online

  • Sessione fino ad un’ora e mezza;
  • Batteria sostituibile;
  • Temperatura regolata in modo dinamico ed intelligente;
  • App per smartphone;
  • 10 anni di garanzia;

Prezzo aggiornato alle 13:25:15 del 20/09/2017

Vaporizzatore Pax 3

Confronto prezzi online

  • Lunga autonomia della batteria ( circa 120 minuti);
  • Design elegante e minimale;
  • Temperatura regolabile (4 temperature);
  • App per Android e iOS;
  • 10 anni di garanzia.

Prezzo aggiornato alle 13:25:16 del 20/09/2017
Pax 3 e DaVinci IQ a confronto
5 (100%) 4 votes
In conclusione i punti di forza del Pax 3 sono i tempi di riscaldamento molto ridotti e un design semplice e minimalista che lo rendono poco appariscente, mentre il DaVinci IQ produce un vapore leggermente migliore e la possibilità di poter cambiare la batteria lo rendono potenzialmente molto più durevole.

La vera scelta si basa quindi sulle singole preferenze dell’utente in quanto, i due vaporizzatori, sono presenti attualmente sul mercato allo stesso prezzo. E tu quale sceglieresti?