420 (pronunciato “four-twenty“, quattro e venti) è un termine sacro utilizzato da coloro che si ritengono parte integrante di una comunità pro Cannabis. Viene usato a livello mondiale per esprimere tutto ciò che concerne questa pianta. Se state girando uno spinello, cucinando biscotti alla marijuana, leggendo il sito più alla moda per sballoni (cioè questo eheheh 😉 ), sostenendo la riforma di legalizzazione o piantando un semino di nel vostro giardino, allora fate parte del 420, cioè appartenete alla cultura della Cannabis.

Il termine 420 è diventato addirittura una sorta di essere spirituale o di divinità, per moltissimi stoner in giro per il mondo, da celebrare in questo giorno quasi sacro, il 20 aprile, o 4/20. Giorno in cui i fattoni si riuniscono e festeggiano, fondendosi e celebrando tutto ciò che di grandioso e buono è rappresentato dalla Cannabis, all’interno della sua comunità, vivendo in gioia, pace ed amore.

Ma perché 420? Da dove deriva questo termine? Beh, sono molti i miti che circolano intorno ad esso, per cui prima di passare alla vera storia delle sue origini, diamo un’occhiata alle innumerevoli leggende che circolano intorno a questo numero.

bob-marley

420 è la celebrazione della morte di Bob Marley

No, Bob Marley morì il l’11 maggio 1981. E neanche il suo compleanno si celebra il 4 aprile. Il 420 non celebra in alcun modo un evento o una data collegabile all’esistenza di un qualsiasi musicista coinvolto nella subcultura della Cannabis.

Il 20 aprile è il momento migliore per seminare l’erba

No. Il momento giusto varia da regione a regione e dipende completamente dalla zona del mondo in cui ci si trova.

Nella Cannabis ci sono 420 composti chimici

Sbagliato, di nuovo. Si pensa che siano oltre 500.

420 si riferisce ad un codice di polizia o ad uno statuto giudiziario che si riferisce alla Cannabis

Anche nella terminologia adottata dalla polizia questo numero non è legato alla Cannabis. 420 è il codice cui ci si riferisce in caso di omicidio. Tuttavia, nel 2003, il Senato dello Stato della California approvò il Disegno di Legge 420, in cui venivano stabilite le linee guida in merito all’uso di marijuana per scopi terapeutici. Ma ciò avvenne quando il termine 420 era già stato coniato da tempo, e fu in relazione alla cultura 420 e non viceversa.

Le origini del 420

waldo

La vera origine del 420 risale agli anni ’70, quando questo numero cominciò ad essere usato in riferimento all’appuntamento che un gruppo di studenti di San Rafael era solito darsi per incontrarsi e per consumare erba in compagnia. Il gruppo di fattoni in questione si faceva chiamare “The Waldos”, riferendosi, a detta loro, alla loro abitudine di ritrovarsi nei pressi di un muro esterno alla scuola. La vera storia del 420 ebbe inizio quando giunse alle orecchie dei Waldos la voce che un ufficiale del servizio di Guardia Costiera aveva coltivato un campo di marijuana in un terreno selvaggio ed abbandonato, nei pressi della stazione della Guardia Costiera. Dopo essersi procurati una mappa, il gruppo si decise ad andare alla ricerca di questo luogo, nella speranza di trovare un tesoro costituito da una montagna d’erba gratis. Fu così che gli amici si diedero appuntamento al termine delle lezioni, alle 4:20 del pomeriggio, sotto la statua del famoso scienziato del XIX secolo, Louise Pasteur, dove si accesero immediatamente uno spinello e pianificarono la loro caccia al “giardino segreto”.

Per settimane il gruppo cercò ovunque, incontrandosi sempre alle 4:20 sotto la statua di Pasteur, senza però nessun risultato. Alla fine questi fumatori quasi mistici rinunciarono alla loro caccia al Giardino dell’Eden, ma una cosa era ormai entrata a far parte del gruppo in maniera indissolubile: alle 4:20 dalla statua di Louis. Fu così che questo numero divenne un codice per il gruppo, tramite cui i ragazzi facevano riferimento a tutto ciò che riguardava la marijuana. Durante le ore scolastiche, quando si incrociavano nei corridoi, si scambiavano sguardi complici mormorando “420 Louis”. Uno dei Waldos dichiarò al San Francisco Chronicle, nel 2000: “Si trattava solamente di uno scherzo, ma alla fine assunse molteplici significati, come ‘hai qualcosa?’ oppure ‘ti sembro fuso?'”. Alla fine tutto si è ridotto al solo “420”, utilizzato davanti ad insegnanti e genitori per parlare di marijuana senza essere sgamati.

La crescita del 420: dal liceo al fenomeno globale

Quindi, com’è che si è diffuso il 420? Bene, a questo punto dobbiamo fare un passo indietro, per introdurre i Grateful Dead. Questa, ormai famosissima, rock band cominciò a muovere i primi passi a San Rafael, mentre i Waldos erano ancora al liceo. Il padre di Mark Gravitch, uno dei Waldos, gestiva le proprietà della band, e il fratello maggiore di Dave Reddix, un altro membro dei Waldos, faceva parte di una band di supporto dei Grateful Dead, oltre ad essere grande amico del bassista Phil Lesh.

grateful-dead-420

Dave ha parlato di come i Grateful Dead avessero “questa sala prove in Front Street, a San Rafael, California, e la usavano per esercitarsi. Così noi eravamo soliti andare a trovarli e li ascoltavamo suonare e fumavamo mentre loro si preparavano per i concerti. Ma io penso che sia possibile che il termine lo abbia diffuso mio fratello tramite Phil Lesh. O potrei averlo fatto io stesso, dal momento che andavo in giro con Lesh e la sua band (come tecnico del suono), durante un loro tour estivo organizzato e gestito da mio fratello. Quando qualcuno passava uno spinello o altro, dicevamo ‘Hey, 420’. Ed è così che il termine ha cominciato a diffondersi all’interno della comunità”.

Il termine divenne rapidamente di uso comune, diffondendosi nel backstage dei concerti e nella comunità degli “stoner“, e non passò molto tempo prima di essere “sdoganato”. Steve Hager, editore ai quei tempi di High Times, sentì la parola ed iniziò ad usarla in ogni occasione, tanto da arrivare ad organizzare grandi eventi incentrati su di essa, come la Cannabis Cup. Nel giro di pochi anni questa terminologia si diffuse in tutti gli Stati Uniti e, presto, in tutto il mondo, diventando una leggenda vivente, giunta fino ai nostri giorni.

La prova

I Waldos hanno le prove per dimostrare di essere stati proprio loro a coniare il termine, prima ancora che i Grateful Dead la diffondessero. Nascosti nel caveau di una banca ci sono alcuni articoli e ritagli di giornale ed altri cimeli appartenuti ai Waldos. Sono stati proprio loro a permettere ad alcune persone dell’Huffington Post di vedere questo luogo segreto, mostrando alcuni dei ritagli. Uno di questi articoli è di particolare interesse: proviene dal giornale del San Rafael High School e riporta la dichiarazione di uno studente che voleva far giungere ai suoi compagni di diploma un solo messaggio “4-20”.

Fonte
Fonte

Questa è la bellissima storia di come un gruppo di stoner adolescenti fu in grado di plasmare una fiorente subcultura internazionale in fase di espansione. I Waldos, di per sé, non sono particolarmente famosi e, oggi, conducono una vita normale. Ogni tanto hanno fatto la loro comparsa in un documentario o sono stati intervistati da qualche rivista interessata alla storia del 420, ma, in definitiva, non hanno mai cercato di ottenere profitto dalla loro storia scolastica.

Per quanto ammirevole, una domanda rimane ancora in sospeso. Perché 420? Ok, si incontravano alle 4:20, ma si tratta comunque di un’ora tanto specifica quanto anomala. Si pensa che tutti loro facessero parte della squadra di atletica del doposcuola e che gli allenamenti terminassero proprio intorno a quell’ora. Ma nessuno ha la certezza che le cose stessero proprio così. Comunque sia andata, 420 è ormai un termine di rilevanza storica ed è molto importante per la comunità pro Cannabis: il 420 ci unisce e ci avvicina tutti quanti.

Cosa significa 420? Ecco da dove deriva questo termine e la sua storia
5 (100%) 9 votes
CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Danimarca la cannabis terapeutica sarà legale per 4 anni
Articolo successivoChiude il Mellow Yellow, il primo coffee shop di Amsterdam
Il Ganjanauta è, letteralmente, il navigante per eccellenza nel mondo della canapa ad uso ludico e medicinale. È in grado di dare suggerimenti utili per ogni esperienza, consigli comportamentali, statistiche e anche intrattenimento. Come se non bastasse, è anche esperto di cucina, spazia dal dolce al salato, ha ottima conoscenza dei cosiddetti "luoghi della droga" e di tutti gli accessori usati nella fattanza quotidiana. La Nasa tuttora lo rimpiange.