I cannabinoidi sono un insieme eterogeneo di composti chimici che si legano a speciali recettori nel corpo umano che costituiscono ciò che è noto come sistema degli endocannabinoidi.

La metafora di un baule sottochiave viene spesso usata per descrivere questo processo. Il corpo umano possiede specifici distretti vincolati, o bloccati, che si trovano sulle superfici di diversi tipi di cellule e il nostro corpo produce molteplici endocannabinoidi (le chiavi) che si legano a tali recettori degli stessi cannabinoidi (detti CB) per sbloccarli.

Nel 1992 i ricercatori hanno scoperto per la prima volta una sostanza endogena che si lega ai recettori dei cannabinoidi. Tale sostanza è nota come anandamide, un termine che deriva dalla parola in sanscrito ananda, che significa “per la felicità“. Il nome amide è dovuto invece alla forma della sua struttura chimica. Un secondo endocannabinoide è stato scoperto nel 1995, il 2-arachidonoilglicerolo (detto 2-AG).

Questi due endocannabinoidi sono stati tra i più studiati finora. Oggi si ritiene che esistano più di 200 sostanze correlate che assomigliano agli endocannabinoidi e completano la loro funzione in quello che è stato definito effetto entourage. Molti endocannabinoidi non solo si legano ai recettori dei cannabinoidi, ma anche al recettore CB3 (il recettore GPR55), per neutralizzare gli altri (recettori).  Oltre agli endocannabinoidi, gli scienziati hanno identificato altri cannabinoidi che si trovano nella pianta di cannabis (i fitocannabinoidi) e che agiscono per imitare o contrastare gli effetti di alcuni endocannabinoidi.

I fitocannabinoidi

I fitocannabinoidi sono formati da resina ghiandolare (i tricomi) presenti anche sui fiori e sulle foglie a ventaglio, che sono tali e quali alle tipiche piante di cannabis in fase avanzata.
La quantità di resina prodotta e il suo contenuto in cannabinoidi varia tra le varie specie di piante in base alle condizioni di crescita e al periodo in cui è tempo di raccolta. La stabilità chimica dei cannabinoidi nel regno vegetale durante la raccolta viene influenzata dall’umidità, dalla temperatura, dalla luce e anche dallo stoccaggio, ma si degrada comunque nel tempo, in qualsiasi condizione di conservazione.

Formule chimiche dei cannabinoidi più comuni che si trovano nella pianta di cannabis

Quando un cannabinoide stimola un recettore ad agire nello stesso modo in cui farebbe un ormone naturale o un neurotrasmettitore, allora è etichettato come agonista. D’altra parte, quando il cannabinoide impedisce al recettore di legarsi al composto naturale, causando così l’evento risultante (ad esempio, il dolore, l’appetito, la vigilanza) per essere modificato o ridotto, è etichettato antagonista.

La ricerca è un modo per comprendere meglio come i cannabinoidi specifici possano sbloccare (o bloccare, in taluni casi) i recettori specifici.
Sono stati identificati oltre 100 fitocannabinoidi nella pianta di cannabis, e per molti di questi è stato provata una valenza medica. La maggior parte di questi sono strettamente correlati, o si differenziano in un unico componente chimico. I cannabinoidi più discussi e studiati si trovano nella pianta di cannabis, e sono il tetraidrocannabinolo (THC), per le sue proprietà psicoattive, cioè ad “alta sensibilità”, e il cannabidiolo (CBD), per le sue proprietà curative.

I cannabinoidi possono essere somministrati fumando, vaporizzandoli, con ingestione orale, con un cerotto transdermico, con un’iniezione endovenosa, attraverso l’assorbimento sublinguale o con una supposta rettale.

Gli endocannabinoidi

Un sistema cannabinoide endogeno (ECS) è comunemente indicato come sistema endocannabinoide e si trova in ogni animale. Esso regola una vasta gamma di funzioni biologiche. L’ECS è un sistema di controllo biochimico dei lipidi neuromodulatori (molecole che includono lipidi, cere, steroli e vitamine liposolubili, come le vitamine A, D, E e K e altri) e i recettori specializzati si configurano come adatti a sintetizzare certi cannabinoidi. In generale, un dato recettore accetterà solo le classi di composti particolari e sarà influenzato anche da altri, così come è necessario usare una chiave specifica per aprire una serratura.

I recettori specifici sono in tutto il corpo umano, compreso (e senza che questo influisca in modo limitante) anche nell’ippocampo (la memoria, l’apprendimento), nella corteccia cerebrale (il processo decisionale, i comportamenti emozionali), nel cervelletto (il controllo motorio, la coordinazione, il movimento), nell’ipotalamo (l’appetito, la temperatura corporea) e nell’amigdala (le emozioni).

Sistema cannabinoide endogeno
Principali funzionalità del sistema endocannabinoide

Quando un cannabinoide, o una combinazione di cannabinoidi specifici, si lega ad un particolare recettore, a un evento o a una serie di eventi, esso si innesca nella cellula, causando un cambiamento nella sua attività, nella sua regolazione genica e /o nei segnali che invia alle cellule vicine. Questo processo è chiamato trasduzione del segnale.

Carenza di endocannabinoidi

La carenza clinica di endocannabinoidi (Clinical endocannabinoid deficiency – CEDC) è un disturbo che si manifesta in una serie di malattie, tra cui la fibromyalgia, l’emicrania e la sindrome dell’intestino irritabile. Finora, pochissime ricerche cliniche sono state condotte su questo disturbo specifico. È del tutto possibile che queste condizioni, spesso riscontrate, possano rispondere favorevolmente alle terapie di somministrazione di cannabinoidi. Tuttavia, questo accadrà solo se verranno effettuate ulteriori ricerche.

I recettori dei cannabinoidi

I recettori dei cannabinoidi primari sono identificati come “recettori cannabinoidi di tipo 1” (CB1-R) e “recettori cannabinoidi di tipo 2” (CB2-R).

I recettori possono essere “sbloccati” da tre tipi di cannabinoidi:

  1. Endocannabinoidi: cannabinoidi endogeni /acidi grassi prodotti naturalmente dal corpo (per esempio, l’anandamide e il 2-AG);
  2. Fitocannabinoidi: sono quelli concentrati nella resina oleosa dei germogli e nelle foglie di piante come la cannabis (ad esempio la THC e la CBD);
  3. Cannabinoidi sintetici: sono prodotti artificialmente, cioè in laboratorio.

In prima istanza rilevati nel cervello, la scienza dimostra oggi che i CB1-R si trovano anche in molti altri organi, tessuti connettivi, gonadi e ghiandole. I CB1-R non si trovano nel midollo allungato (la parte del tronco cerebrale responsabile delle funzioni respiratorie e cardiovascolari). I CB1-R svolgono un ruolo importante nel coordinamento dei movimenti, nell’orientamento spaziale, nelle percezioni sensoriali (gusto, tatto, olfatto, udito), nelle prestazioni cognitive e nella motivazione.

Il ruolo più importante dei CB1-R è la riduzione della funzione eccessiva o insufficiente dai neurotrasmettitori (messaggeri) nel cervello. Con l’attivazione dei CB1-R, l’iperattività o l’ipoattività dei messaggeri (ad esempio, la serotonina e la dopamina) è regolata e equilibrata. Quando il THC, per esempio, si lega al CB1-R, l’attività nei circuiti del dolore viene inibita, con conseguente riduzione dello stesso. Molti altri sintomi come nausea, spasticità muscolare e crisi epilettiche possono essere alleviati o diminuiti con la terapia a base di cannabinoidi.

I CB2-R sono collegati soprattutto al sistema immunitario e ad altri distretti organici al di fuori del cervello, come intestino, milza, fegato, cuore, reni, ossa, vasi sanguigni, cellule linfatiche, ghiandole endocrine e organi riproduttivi. Ad esempio, il CBD è chiuso rispetto al CB2-R, e la buona evidenza che mostra il CBD è una strategia terapeutica utile per ridurre l’impatto delle malattie infiammatorie e neuro-infiammatoria. Fino a poco tempo fa, si credeva che il CB2-R non svolgesse alcun ruolo sulle cellule nervose o sui fasci di nervi. Tuttavia, gli studi dimostrano oggi che gioca un ruolo importante nel trattamento dei segnali provenienti dal cervello. Un terzo recettore che è poco studiato è quello transitorio potenziale di tipo uno (TRPV1). La funzione del TRPV1 è di rilevare e regolare la temperatura corporea. Inoltre, il TRPV1 è responsabile delle sensazioni di estremo calore esterno e del dolore, ed è soggetto a desensibilizzazione.

Pertanto, se viene continuamente stimolato, il processo potrebbe rallentare troppo o addirittura fermarsi. Questo aumenta le possibilità terapeutiche e reagenti per trattare efficacemente alcuni tipi di dolore neuropatico.

L’uso terapeutico del cannabidiolo (CBD)

Da quanto ci fu la scoperta iniziale del recettore CB1 da parte di Allyn Howlett e William Devane nel 1988, è stato “accettato” de facto che il cannabidiolo, a differenza del THC, abbia una scarsa affinità con il recettore CB1.

Purtroppo, questa ipotesi non è stata basata su dati scientificamente corretti. Nuovi dati sono emersi dalla comunità scientifica internazionale, che indicano come il CBD interagisca direttamente con il recettore CB1 tanto da essere terapeuticamente rilevante.

Il CBD è collegato in modo diverso ai CB1-R, che sono funzionalmente distinti dal legame che invece li collega al THC. Il CBD si lega a ciò che è conosciuto come un “allosterico”, collegato al CB1-R.

Quando il cannabidiolo non si lega a livello del recettore, non si avviano innumerevoli segnali. Esso, tuttavia, influenza il modo in cui il recettore risponde allo stimolo da parte del THC e dei cannabinoidi endogeni. La modulazione allosterica del CB1-R cambia la conformazione (la forma) del recettore, e questo può avere un effetto drammatico sull’efficienza dei segnali inviati a livello cellulare. Un modulatore allosterico positivo che migliora i segnali dei recettori del CB1 indica che il CBD potrebbe essere utile per il trattamento di malattie legate a deficit di endocannabinoidi (come l’anoressia, l’emicrania, il colon irritabile, la fibromialgia, e il PTSD), in aggiunta alle condizioni di trattamento associate a un eccesso di endocannabinoidi o iperattività (obesità, malattie metaboliche, malattie del fegato, problemi cardiovascolari).

Patologie per le quali potrebbe essere possibile un uso terapeutico dei cannabinoidi. Fonte: Leafly

L’ effetto Entourage

Il concetto di “effetto entourage” è stato introdotto nel 1998 dagli scienziati israeliani Shimon Ben-Shabat e Raphael Mechoulam. La teoria è che i cannabinoidi all’interno della pianta di cannabis lavorino insieme attraverso una rete di relazioni casuali, come parte di un organismo superiore, e interessano il corpo in un meccanismo simile proprio al sistema degli endocannabinoidi.

In sostanza, questi composti funzionano meglio insieme che separatamente.

Il successo di lunga data nell’uso della cannabis nel suo complesso rende necessario trovare una spiegazione razionale per la sua superiorità medica rispetto ad altri prodotti isolati che la contengono, in singoli componenti della pianta di cannabis, o con cannabinoidi sintetici che cercano di replicare le componenti naturali.

La ricerca sui benefici del THC e del CBD in isolamento è ben consolidata:

  • Il THC si comporta come un analgesico, antiemetico, e ha proprietà anti-infiammatorie.
  • Il CBD possiede effetti anti-psicotici e anti-epilettici e ha le proprietà ansiolitiche.

Tuttavia, la prova è che isolando questi cannabinoidi, o ricreandoli in un laboratorio, risulta in effetti che limitano l’uso terapeutico. È anche il motivo per cui le visite dal medico o nei pronto soccorso sono aumentate. Al momento della somministrazione in alte concentrazioni, il THC può causare problemi di sovra dosaggio. Nonostante un sovra dosaggio di THC raramente richieda l’intervento medico, gli effetti collaterali possono essere molto sgradevoli.

Gli studi dimostrano oggi che il THC e il CBD lavorano insieme

Il CBD è noto per bloccare il THC e il CB1-R. Pertanto, l’applicazione dell’effetto in seguito, aumentando il CBD nel caso di sovra dosaggio, può ridurre gli effetti del THC.

Il cannabinoide sintetico Marinol è un altro esempio. Marinol è una forma pura, sintetica del THC. Quando il farmaco è stato introdotto a metà degli anni ’80, si è pensato che avrebbe avuto lo stesso effetto della pianta di cannabis nel suo complesso.

Tuttavia, ben presto divenne chiaro che la maggior parte dei pazienti non rispondevano allo stesso modo rispetto a quando il THC veniva consumato sotto forma di fumo o con l’ingestione di cannabis naturalmente coltivata. I ricercatori si sono presto resi conto che altri composti, come il CBD e simili, giocano un ruolo più importante di quanto avevano precedentemente realizzato.

Cannabinoidi: cosa sono e come agiscono sui nostri recettori
5 (100%) 3 votes
CONDIVIDI
Articolo precedenteCanapa Mundi arriva alla terza edizione
Articolo successivoFame chimica: cos’è e da cosa è provocata
Il Ganjanauta è, letteralmente, il navigante per eccellenza nel mondo della canapa ad uso ludico e medicinale. È in grado di dare suggerimenti utili per ogni esperienza, consigli comportamentali, statistiche e anche intrattenimento. Come se non bastasse, è anche esperto di cucina, spazia dal dolce al salato, ha ottima conoscenza dei cosiddetti "luoghi della droga" e di tutti gli accessori usati nella fattanza quotidiana. La Nasa tuttora lo rimpiange.